CHI SIAMO

PRESIDENTE

Adriano Lualdi

SOCI FONDATORI

Alvise Rampini

Roberto Tirelli



Paolo Medeossi

Silvia Bianco

L'IRPAC_Istituto Regionale di Promozione e Animazione Culturale è nato nel 2000 da un gruppo di persone che da sempre si occupano di Cultura nella nostra Regione. L'IRPAC si è quindi dedicata alla realizzazione di vari progetti diversificando in settori la propria attività.

Il settore più importante è quello dedicato alla fotografia con pubblicazioni, cataloghi, conferenze e grandi mostre itineranti che hanno fatto conoscere un lavoro di ricerca decennale presso i vari archivi fotografici della Regione.

Socio fondatore e curatore di tutte le mostre e pubblicazioni è Alvise Rampini, storico della fotografia, docente all'Università degli studi di Udine e giornalista pubblicista. Grazie ala partecipazione di importanti studiosi del calibro di Giuseppe Bergamini, Claudio Domini, Gianflanco Ellero, Antonio Giusa, Piergiorgio Sclippa, Cristina Donazzolo, sono stati portati a termine oltre 4000 pagine di cataloghi e 14 mostre interamente dedicate alla fotografia storica e contemporanea.

MOSTRA IN CORSO

GUERRA E PACE

Sabato 26 Novembre, Ore 12.00

Esedra di Levante, Villa Manin di Passariano

26 Novembre 2016 - 8 Gennaio 2017
Da Martedì a Venerdì 15.00 - 18.00
Sabato e Domenica 10.00 - 19.00
Chiuso il Lunedì
INGRESSO GRATUITO
Villa Manin di Passariano, Codroipo, Udine, Esedra di Levante

DA OLTRE SEDICI ANNI L’IRPAC, ISTITUTO REGIONALE DI PROMOZIONE E ANIMAZIONE CULTURALE, CONTRIBUISCE ALLA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FOTOGRAFICO REGIONALE ATTRAVERSO RACCONTI PER IMMAGINI DEL PASSATO IN FAVORE DI UNA MEMORIA NEL PRESENTE. DALLE FOTOGRAFIE EMERGONO TESTIMONIANZE PREZIOSE, CHE SCANDISCONO IL TEMPO E LA STORIA.


15 volumi fotografici e relative mostre, oltre 5000 foto storiche pubblicate, centinaia di pagine di saggi, questi sono i “numeri” dell'IRPAC che prosegue il suo impegno dedicando uno spazio al cambiamento drastico e repentino che provocò la Grande Guerra con i suoi milioni di morti e al conseguente desiderio di pace degli anni successivi.

Il 1915 è stato l’anno del cambiamento, l’inizio di un triennio di combattimenti, dolore e mutamenti. La Prima Guerra Mondiale stravolse il mondo, l’Italia e soprattutto la nostra regione, terra di confine e di conflitto. Lo spirito innovatore e la voglia di progresso lasciarono il posto alla guerra, le abitudini e le tradizioni furono messe da parte. Non è difficile immaginare come cambiò la città di Udine e tutto il territorio: le strade illuminate grazie al genio di Arturo Malignani, la via dei teatri, le piazze e il castello; tutti gli spazi frequentati dagli udinesi assunsero un nuovo ruolo durante il conflitto e la popolazione dovette rinunciare alle proprie abitudini, alla vita culturale cittadina.

Le fotografie ben raccontano le vicende, rendendo l’idea di quanto accadde, ma con altrettanta efficacia testimoniano la celere ripresa nel dopoguerra, il desiderio di ritorno alla vita normale, la voglia di serenità. La ricostruzione fu rapida dopo il 1918, lo spirito che da sempre caratterizza i friulani portò ad una ripresa in tutti i settori, alla riedificazione di quanto distrutto, al proseguimento della Belle Époque, alla ricomposizione della società. Un nuovo progetto, quello dell’IRPAC, per un nuovo percorso nella quotidianità del sociale, uno sguardo tra Guerra&Pace.


invito inaugurazione

MOSTRE E PUBBLICAZIONI

Obiettivo Friuli 1860-1960. Fotografie di un secolo

Due volumi di oltre 1600 pagine che mappano, in ordine alfabetico, l'intero Friuli storico da Aiello a Zuglio passando per frazioni e antiche borghi attraverso gli archivi Pignat e Brisighelli di proprietà dei Civici Musei di Udine.

Il Friuli nella Grande Guerra 1915-1918. Immagini..

Il volume è diviso in due sezioni: Udine e Friuli che permette di visionare la tragedia di una guerra particolarmente cruenta nel nostro territorio con distruzioni e povertà ma anche momenti di tranquilla vita quotidiana.

Udine memoria per immagini 1860-1960. Fotografie di un secolo.

Il cambiamento soprattutto urbanistico della città in cento anni di storia.

Udine anni '50. Una cronaca in bianco e nero.

La città dopo il conflitto con il grande rilancio economico, la modernizzazione, la rivoluzione dei trasporti e dell'edilizia.

Udine Portfolio

Le 12 immagini più rappresentative di Udine tra Ottocento e primi anni del Novecento in una cartella da collezione di grande formato.

Come Eravamo 1880 – 1950. Gli archivi privati in Friuli

Le immagini degli album di famiglia sapientemente raccolte attraverso una campagna di sensibilizzazione che ha permesso la creazione di un vero e proprio archivio. Una storia sociale tutta da scoprire.

Ugo Pellis 1882-1943. Il Friuli nelle immagini

Una raccolta di immagini del grande studioso Ugo Pellis, fondatore della Filologica Friulana, basata su usi costumi e ricerca linguistica di tutte le popolazioni italiane. Il catalogo realizzato dall'IRPAC raccoglie il racconto del nostro territorio friulano.

Carlo Innocenti fotografo. Artigiani in Friuli

Il lavoro di mezzo secolo di Carlo Innocenti raccontato in un libro dedicato al lavoro artigiano in Friuli in gran parte scomparso.

Francesco Krivec 1907-1983. Un fotografo di città.

Un vero e proprio reportage della città di Udine e del suo territorio. La gente, i luoghi, le attività commerciali come documento storico e urbanistico.

Giuseppe e Arturo Malignani, fotografi

Una dinastia di fotografi, storici, ingegneri e fotografi fanno scoprire un grande Giuseppe Mailignani, vero precursore della fotografia in Friuli e di suo figlio Arturo, ingegnere e grande inventore (realizzò la lamapadina il cui brevetto fu ceduto a Edison), che documentò attraverso la fotografia tutti i suoi progetti pionieristici nel campo della meccanica e dell'edilizia.

Confronti. 12 fotografi a Villa Manin di Passariano.

Una collettiva di fotografi di varie generazioni attivi o nativi in Friuli. Nuove idee, nuovi progetti della fotografia contemporanea.

Giuliano Borghesan. Tra Friuli & Marocco

Una vera e propria dinastia di fotografi che copre cento anni di storia. Il ritratto di una grande fotografo Giuliano Borghesan, per i suoi 80 anni, trascorsi tra Friuli e Marocco.

'900 & Dintorni

Un viaggio nel Friuli del '900, tra eventi significativi della nostra terra e grandi personaggi.